Polizze Index linked e Unit linked: caratteristiche e differenze

Le polizze Index linked e Unit linked sono le tradizionali polizze vita di carattere finanziario, in grado di unire a tali specifiche, alcune peculiarità di natura assicurativa. Ma quali sono le differenze sussistenti tra queste due forme assicurative? Come riconoscere e investire in maniera più opportuna su ciascuna di tali forme tecniche?

Cosa sono le polizze Index linked

Cominciamo dalle polizze Index linked, contratti le cui prestazioni economiche sono collegate ad un indice azionario o ad un altro valore di riferimento. Il capitale che il cliente può ottenere da tale contratto è dunque soggetto alle oscillazioni dell’indice o del valore di riferimento: soprattutto nei contratti di breve durata, ciò rappresenta un rischio che sarebbe bene non sottovalutare.

Ad ogni modo, spesso le polizze Index linked vengono vendute insieme a specifiche garanzie di restituzione del capitale investito, o all’assicurazione di un capitale minimo a scadenza, o ancora alla corresponsione di cedole periodiche, sia in caso di vita, che in caso di morte dell’assicurato.

Sempre valida, dunque, la regola di un’attenta lettura del materiale informativo prima della sottoscrizione di qualsiasi contratto, e la ponderazione dell’importo da investire sulla base del proprio complessivo patrimonio, del proprio orizzonte temporale e della propria propensione al rischio.

Cosa sono le polizze Unit linked

Le polizze Unit linked sono delle polizze la cui entità del capitale assicurato dipende dall’andamento non di un indice o di un valore azionario (come nel caso delle Index) bensì del valore delle quote di fondi di investimento interni, appositamente costituiti dall’impresa di assicurazione, o da fondi esterni (OICR), in cui verranno investiti i premi versati, dedotti i caricamenti, il costo della copertura caso morte, e eventuali coperture accessorie (oltre alle commissioni di gestione dell’istituto).

L’impresa consentirà al proprio cliente la possibilità di scegliere il tipo di fondo di investimento al quale agganciare il capitale. Il cliente della compagnia assicurativa o della banca, potrà pertanto ponderare il proprio investimento sulla base del profilo di rischio che meglio corrisponde alle proprie esigenze di investimento. Sarà inoltre possibile modificare il fondo di destinazione dell’investimento effettuando periodici trasferimenti delle somme assicurate (di norma pagando una commissione variabile).

Così come le Index, anche queste polizze possono offrire al loro sottoscrizione la garanzia di capitale e/o di rendimento minimo. Naturalmente, anche in questo caso è fondamentale cercare di consultare attentamente il materiale informativo, domandando chiarimenti ove si rendano necessari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *