Cosa firmare per acquistare una polizza vita?

Prima di firmare un contratto di assicurazione sulla vita, l’intermediario presso il quale si sceglie di sottoscrivere la polizza dovrà presentare al proprio cliente una serie di documenti da firmare. Ma quali sono questi documenti? E quale è la loro importanza? E, ancora, quanta attenzione dobbiamo riporre nella loro comprensione?

Documenti da firmare per la polizza vita

L’intermediario assicurativo dovrà necessariamente sottoporre al proprio cliente due documenti fondamentali: la proposta e la proposta – polizza.

In particolare, la proposta è il documento con il quale il cliente chiede alla compagnia assicurativa di stipulare il contratto. Fino al momento della comunicazione della compagnia assicurativa, con il quale la stessa comunica l’accettazione, il contratto si dichiarerà non ancora concluso. La proposta – polizza è invece la proposta che, una volta sottoscritta, produce gli stessi effetti del contratto definitivo.

Naturalmente, prima di apporre qualsiasi firma su qualsiasi documento, è bene verificare sempre che la proposta sia compilata in tutte le sue parti e, in particolare, che siano indicati l’ammontare del premio, del capitale o della rendita assicurati e la durata del contratto. Verificate inoltre sempre i caricamenti e gli altri oneri, considerato che spesso questo aspetto commissionale viene lasciato volontariamente in secondo piano, e costituisce un aggravio di costi non irrilevante in capo al contraente.

Ricordate ancora che in fase precontrattuale è possibile che possa essere richiesta la visita medica, il cui costo è generalmente a proprio carico (non viene infatti rimborsato dalla compagnia assicurativa!). Chiarite altresì quali sono tutti i documenti che è necessario presentare prima della stipula della polizza assicurativa, e se ci sono delle accortezze specifiche (periodi di carenza, ecc.). In tal proposito, a volte può capitare che al posto della visita medica possa essere richiesta la semplice compilazione di un questionario anamnestico (il questionario sanitario) per valutare il proprio stato di salute. Nelle ipotesi in cui questo venga giudicato grave, o venga giudicato con maggior rischio, è possibile che la compagnia assicurativa possa richiedere dei sovrapremi.

Infine, suggeriamo di compilare il questionario sanitario con grande attenzione e con specifica peculiarità (oltre che, sincerità). Nell’ipotesi di informazioni inesatte e di informazioni incomplete sull’effettivo stato di salute, infatti, la compagnia assicurativa potrebbe rifiutare il pagamento del capitale o ridurne l’ammontare nell’ipotesi di fruizione delle prestazioni. Dunque, guai a pensare che la compilazione del questionario sia una semplice formalità: meglio impiegare il giusto tempo nella sua compilazione, domandando chiarimenti ove opportuno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *