Come funziona la polizza di tutela legale

La tutela legale, spesso acquistabile come un’assicurazione stand alone, è frequentemente abbinata alla più ampia garanzia di responsabilità civile. Ma di cosa si tratta? Quale è la sua utilità? Quali sono le principali caratteristiche che sottointendono il funzionamento della polizza di assicurazione legale?

Polizza di tutela legale, tutto quello che c’è da sapere

Iniziamo con il ricordare che la tutela legale è un’assicurazione che prevede l’assistenza diretta di un legale di fiducia della compagnia (o, se l’assicurato preferisce, il rimborso delle spese da lui sostenute per gli onorari di un legale, scelto dalla compagnia o dall’assicurato stesso), per la difesa dei propri diritti nell’ambito della vita privata e di relazione, dell’attività di lavoro dipendente e della proprietà o della conduzione di un immobile.

Trattandosi di una polizza potenzialmente molto vasta, ne consegue che all’interno delle condizioni contrattuali le caratteristiche potranno essere declinate con maggiore precisione, stabilendo ad esempio gli ambiti nei quali è attiva la copertura (ad esempio, le controversie condominiali, l’infortunistica, e così via).

La polizza di tutela legale serve dunque a coprire le spese che il soggetto assicuato si potrà trovare a dover affrontare per pratiche stragiudiziali o giudiziali, per iniziare un giudizio penale o civile o ancora per difendersi in un giudizio che è stato intentato da altri, e così via.

Attenzione infine a non confondere la polizza di tutela legale con il patto di gestione della lite, che è invece una clausola che viene frequentemente inserita all’interno delle condizioni del contratto di responsabilità civile, che assegna alla compagnia di assicurazioni la gestione dell’eventuale lite che si potrebbe instaurare con un terzo danneggiato (relativamente ai soli rischi coperti dalla garanzia di responsabilità civile).

Di norma, la garanzia per la tutela legale rappresenta una delle tipiche garanzie aggiuntive alla polizza di responsabilità civile. Il costo è molto contenuto (poche decine di euro l’anno) e costituisce una validissima opportunità di integrare le proprie tradizionali coperture assicurative che con la garanzia di poter ripagare in maniera concreta e completa (pur, con previsione di franchigie e massimali) gli onorari di un esperto consulente legale.

Pertanto, quando vi state avvicinando alla sottoscrizione di una più vasta polizza di responsabilità civile (si pensi, a titolo di esempio, anche alla garanzia di responsabilità civile auto), valutate con attenzione la possibilità di aggiungere anche la tutela legale. Si tratta di un sovrapprezzo parziale e modesto rispetto al costo originario della vostra polizza principale, che potrebbe sollevarvi da spese sgradite e importanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *