Arriva il bonus da ben 650 euro al mese e per la prima volta non serve la 104

Sta per arrivare un nuovo aiuto per gli italiani: ecco chi può ricevere il bonus da 650 euro, che entrerà in vigore molto presto.

Il Governo Italiano, negli ultimi anni, ha varato una serie di norme in cui ha sviluppato degli aiuti per sostenere le famiglie in difficoltà. Soprattutto dopo gli ultimi avvenimenti scoppiati nel mondo, con l’arrivo prima della Pandemia da Covid e successivamente della guerra, i costi di molti beni di prima necessità sono aumentati, creando un grande disagio in tutte le case, che si sono trovate ad affrontare una situazione complicata.

bonus da 650 euro
Nuovo Bonus per gli italiani: di cosa si tratta (reedgourmet.it)

Per questo, ha messo in atto vari contributi, che, però, non hanno potuto ricevere tutte le famiglie. Infatti, ci sono dei criteri da rispettare per poterne usufruire. Accanto a questo sussidio, ci sono altri che, già prima, venivano erogati, solo che di recente è stata apportata una grossa novità. A quanto pare, ben presto, entrerà in vigore un nuovo bonus, di circa 650 euro al mese. Questa volta, a differenza dei casi trattati, non servirà avere la 104.

Entra in vigore un nuovo aiuto: arriva per gli italiani il bonus da 650 euro al mese

Nei prossimi giorni molte famiglie italiane dovrebbero ricevere un maggiore aiuto da parte dello Stato. Lo potranno avere, però, soltanto coloro che hanno dei figli con disabilità più o meno grave o anche solo con un disturbo dell’apprendimento, che deve essere accertato da un’apposita commissione. La cifra può arrivare, sommando i vari sussidi, a circa 650 euro al mese, ma anche in questo caso ci sono delle differenziazioni.

bonus da 650 euro al mese
Chi può ricevere il nuovo bonus nel 2024 (reedgourmet.it)

Per quanto riguarda il disturbo dell’apprendimento, dopo essere stato confermato, non è detto che sia sufficiente per un riconoscimento in denaro, dato che dipende anche dalla gravità della situazione. Se dovesse essere accertato, è necessario fare richiesta dell’indennità di frequenza: questo beneficio spetta a coloro che manifestano una difficoltà persistente nello svolgimento dei compiti e delle funzioni della sua età. Quest’anno, tale contributo, sarà pari a 333,33euro, per 12 mesi, ma spetta solo alle famiglie che hanno un reddito non superiore a 5.725, 46 euro.

Se, invece, ai figli è stata riconosciuta una disabilità, in questo caso si parla degli aiuti dell’Assegno unico universale. Nel caso dei minori la cifra, indipendentemente dall’Isee, arriva a 119, 60 euro per i casi di non autosufficienza, a 108,20 euro per le disabilità gravi, mentre per quella media si parla di una cifra di 96, 90 euro. Inoltre, bisogna specificare che se il figlio non è ancora minorenne, c’è l’Assegno di inclusione. Questo aiuto, però, possono riceverlo soltanto i nuclei familiari che hanno un reddito inferiore a 9.360 euro.

Impostazioni privacy