Tutte le novità 2016 nel mondo delle assicurazioni

i massimali

Il 2016 ha condotto sui mercati una serie di importanti novità che sarebbe opportuno tenere a mente. A cominciare, magari, dall’attestato di rischio elettronico: già dal 1 luglio 2015, infatti, il “vecchio” attestato di rischio (un documento che sintetizza una serie di informazioni fondamentali, come la storia assicurativa dell’assicurato, l’appartenenza a una determinata classe universale e il numero di sinistri nei cinque anni precedenti), non deve essere più consegnato in forma cartaceo, ma solamente reso disponibile in formato elettronico. È inoltre stato previsto che i soggetti assicurati possano consultare, scaricare e – se lo ritengono opportuno – stampare il documento dall’area riservata della propria compagnia d’assicurazione.

Cresce ancora l’appeal delle assicurazioni online

polizza-r_c

Secondo quanto rivelato da un recente rapporto Fujitsu, circa un quinto dei cittadini europei si dichiara disposto ad acquistare servizi di natura assicurativa da potenziali fornitori assicurativi come Google, Amazon o Facebook. E sono sempre di più i consumatori che domandano alle compagnie di assicurazione delle soluzioni più digitali: pena, si intende, il “tradimento” della propria compagnia assicurativa con un’altra che possa rispondere meglio a tale crescente esigenza.

Assicurazioni auto, prezzi in calo del 3,5%

assicurazioni-mutuo

Secondo quanto affermano gli ultimi dati forniti da AIBA, l’Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni, sulle tariffe che vengono utilizzate per poter assicurare le auto, i prezzi di listino delle polizze RC Auto sarebbero diminuiti del 3,5%.

Costo delle assicurazioni auto e moto, continuano a calare i migliori prezzi

Assicurazione auto

Stando a quanto afferma una recente statistica condotta da Segugio.it, il prezzo delle coperture assicurative continua a calare per quanto concerne la fascia “best price” o, meglio, per i costi più convenienti delle polizze auto nuove e usate. Ma che considerazioni è possibile trarre dalle ultime statistiche fornite dal servizio di comparatore auto?

Nuovi dati sulla raccolta assicurativa

polizze-mutuo

Stando a quanto ricorda Ania, l’associazione che raggruppa le compagnie, nel 2015 la raccolta complessiva dei premi delle imprese di assicurazione nazionali e delle rappresentanze per l’Italia di imprese extra-europee è stata pari a 147 miliardi di euro, con una crescita, in termini omogenei, del 2,5% rispetto all’anno precedente.

Sempre secondo quanto rivela l’associazione, la dinamica attuale sarebbe il risultato di un aumento dei premi del settore Vita (+4%) e di una diminuzione di quello Danni (-2,4%). L’incidenza dei premi totali (Vita e Danni) sul pil è lievemente cresciuta dall’8,9% del 2014 al 9% del 2015.

Assicurazioni scatole nere: cosa succederà?

Assicurazione auto

L’avvento delle scatole nere nelle assicurazioni auto proseguirà una silenziosa rivoluzione nel comparto. Ma cosa accadrà nel settore?

A prevederlo sono alcune recenti analisi nel comparto, che prevedono che nel 2020 il business assicurativo che ruota attorno all’applicazione di device tecnologici sulle auto andrà ad alimentare circa 9 milioni di polizze telematiche, con un’accelerazione che arriverà nel 2018, quando su tutti i nuovi modelli di vetture dovranno essere installati dei dispositivi in grado di rilevare gli incidenti di particolare gravità – tramite sensori analoghi a quelli che oggi attivano gli airbag, e chiamare automaticamente i soccorsi mediante un sistema vivavoce.

Assicurazione P2P: niente incidenti? Vi rimborsa parte del premio…

assicurazione rc auto mensile

È il sogno di tanti automobilisti. Non fate nessun incidente? Non solo la compagnia assicurativa vi tratterà meglio il prossimo anno, bensì anche in quello attuale si dichiarerà disponibile a restituirvi una parte del premio pagato per poter rendere merito al vostro comportamento virtuoso. Una polizza che si chiama Friendsurance ed è già un concreto successo in Germania, dove spopola non solamente nelle quattro ruote, bensì anche nelle aree casa e vita.

La polizza assicurativa funziona in modalità P2P. Ovvero, organizza gli assicurati per gruppi omologhi (per età, reddito, composizione familiare, ecc), e a fine anno riconosce un parziale rimborso nel caso in cui l’assicurazione non sia stata utilizzata per far fronte a imprevisti pregiudizievoli. Stando a quanto rende noto Eva Genzmer, portavoce della compagnia assicurativa, nel corso del biennio 2013/2014 più dell’80% dei clienti avrebbe ricevuto in media il 33% dei premi. Insomma, chi nel corso del 2014 ha pagato per la propria polizza di responsabilità civile auto un premio di 621,63 euro, e non ha avuto alcun incidente, ha avuto un rimborso a fine anno di 226,17 euro.

Assicurazione auto e dichiarazione dei redditi

patto-gestione-lite

Il tempo della dichiarazione dei redditi si sta avvicinando a grandi passi. E, come ogni anno, si avvicina anche il momento in cui si rende necessario raccogliere tutta la documentazione utile per poter comprendere cosa poter scaricare, e cosa no. Purtroppo, una delle voci di tradizionale detrazione – la polizza di assicurazione auto – negli ultimi anni ha subito radicali mutamenti. Ecco cosa c’è da sapere.

Cambio compagnia e mantenimento della classe di merito

polizza-auto

Stando a quanto afferma un emendamento al disegno di legge sulla concorrenza approvato in commissione Industria al Senato, le compagnie assicurative “devono garantire, nell’ambito della classe di merito, le condizioni di premio assegnate agli assicurati aventi identiche caratteristiche di rischio del soggetto che stipula il nuovo contratto”.

Insomma, finalmente una buona compagnia per gli automobilisti italiani, che tra breve potranno mantenere la classe id merito della propria rc auto, anche in caso di cambio della compagnia assicurativa, evitando così di pagare un prezzo più alto durante questo passaggio, e abbattendo una sostanziale barriera alla concorrenza.

Raccolta assicurativa, i dati a metà 2015

raccolta-premi

Il 2015 è recentemente terminato ma, come sempre accade, i dati statistici ufficiali da parte delle autorità del settore vengono aggiornati con un pò di ritardo. Ne consegue che recentemente l’Ivass, Istituto per la vigilanza delle assicurazioni, ha pubblicato un dossier che contiene i dati sulla raccolta premi nel primo semestre 2015, realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra S.E.E.

Stando all’Ivass e al suo dossier “Premi lordi contabilizzati a tutto il secondo trimestre 2015 nei rami danni e vita dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia delle imprese di assicurazione estere” – liberamente consultabile sul sito ivass.it, la raccolta è risultata pari a 77,7 miliardi di euro, con un incremento del 7,8% rispetto allo stesso periodo del 2014.