Come funziona la garanzia di responsabilità civile costruttori

Tra le polizze di responsabilità civile più diffuse in ambito italiano figura anche quella che la legge impone al costruttore di immobili. La normativa in vigore prevede infatti che quest’ultimo abbia l’obbligo di stipulare una polizza assicurativa – di durata pari ad almeno 10 anni e con inizio dalla data di ultimazione dei lavori – a beneficio dell’acquirente di un immobile di nuova costruzione. Ma come funziona in maggior dettaglio?

Garanzia di responsabilità civile costruttori

La polizza funziona instaurando apposite garanzie per i danni materiali e diretti causati all’immobile. In altri termini, la polizza assicurativa rc professionale costruttori tutela l’acquirente in caso di rovina totale o parziale, gravi difetti di costruzione, vizio del suolo, purchè manifestatasi successivamente alla stipula del contratto definitivo di compravendita o di assegnazione. Inoltre, la polizza copre anche i danni causati a terzi, che il costruttore sarà tenuto a risarcire ai sensi di quanto previsto dal Codice civile.

Garanzia per gli amministratori di condominio

Sulla base di quanto sopra, si noti altresì come la polizza di responsabilità civile dei costruttori non sia l’unico contratto di natura assicurativa obbligatorio per legge sugli immobili e sui professionisti che operano “con” gli immobili.

La legge prevede infatti anche l’obbligatorietà delle polizze di responsabilità civile professionale per gli amministratori di condominio, in grado di tutelare l’amministratore di condominio dagli errori professionali che possono generare una specifica richiesta di risarcimento per i danni subiti dai condomini o da altri soggetti.

La polizza in questione copre sia l’amministratore di condominio che esercita l’attività – purchè regolarmente abilitato all’esercizio della propria professione – sia quelle persone qualificabili come collaboratori, del cui operato l’amministratore di condominio rimane comunque responsabile.

Le polizze che instaurano le garanzie di responsabilità civile professionale per gli amministratori di condominio possono essere sia claims made che loss occurrence (per comprendere adeguatamente il significato di tali termini rinviamo a specifici approfondimenti effettuati qualche settimana fa) e comprendono generalmente anche il rimborso delle spese legali pagate dall’amministratore di condominio per resistere alle azioni giudiziarie che siano promosse dai soggetti danneggiati nei suoi confronti.

Per quanto infine concerne la clausola claims made, ricordiamo che si tratta dell’opzione che prevede l’efficacia del contratto solo per le richieste di risarcimento presentate in corso di validità della polizza; la clausola loss occurrence prevede invece l’efficacia del contratto per i soli fatti che siano avvenuti durante il periodo di vigenza della polizza di assicurazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *