Come ottenere il rimborso delle spese mediche con un’assicurazione

Tra le polizze assicurazioni malattia più conosciute, quelle per il rimborso delle spese mediche meritano certamente un approfondimento specifico. Si tratta infatti di polizze che coprono le spese sostenute dall’assicurato in occasione di un ricovero che si è reso necessario da una malattia o da un infortunio, o ancora a fronte di un intervento chirurgico effettuato (anche) in regime ambulatoriale o day hospital. Ma come funzionano?

Cosa “coprono” le assicurazioni per il rimborso delle spese mediche

Iniziamo con il ricordare che queste assicurazioni coprono solamente le spese legate agli interventi chirurgici che sono determinati da malattia o infortunio. Ne deriva che, pertanto, gli interventi che non sono motivati da tali cause (si pensi, all’estremo, a un uomo che decide di rifarsi il naso per motivazioni estetiche, sottoponendosi a un intervento chirurgico di rinoplastica) non possono dar luogo a richieste di rimborso. Inoltre, salvo che non sia previsto diversamente nelle condizioni contrattuali, la garanzia non coprirà malattie e infortuni che non danno luogo a ricovero o intervento chirurgico.

Differenze con le polizze infortuni

Un altro punto sul quale val la pena di soffermarsi, pur brevemente, è relativo al rischio di confondere la garanzia per il rimborso delle spese mediche con la garanzia sugli infortuni, che invece prevede un indennizzo nell’ipotesi di perdita totale o parziale della capacità dell’assicurato di svolgere un qualsiasi lavoro.

Polizze di rimborso delle spese e diaria sostitutiva

Un ulteriore concetto base nella migliore conoscenza delle polizze di assicurazione con rimborso delle spese mediche, è relativo alla possibilità di ottenere una diaria sostitutiva. Generalmente le clausole assicurative consentono di poter ricevere una somma fissa giornaliera per il periodo di ricovero, protrattosi oltre un limite massimo di giorni, nelle ipotesi in cui le spese mediche siano totalmente sostenute dal Servizio Sanitario Nazionale. Si tratta dunque di una sorta di “rimborso” per ogni giorno di lavoro perso, attraverso cui compensare la perdita di reddito. Nelle ipotesi in cui le spese siano eccedenti a quelle a carico del Servizio Sanitario Nazionale, la compagnia assicurativa rimborserà il maggiore importo tra la diaria giornaliera e le spese che risultano essere effettivamente sostenute. Ricordiamo infine che in alcuni casi, e sempre in occasione di malattie e infortuni, le polizze assicurative potrebbero estendere le ipotesi di rimborso anche alle spese per prestazioni diagnostiche e/o particolari terapie non strettamente legate alle fattispecie di cui sopra (ricovero e/o intervento chirurgico).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *