Assicurazione sulla vita, le condizioni di Generali con Lungavita

L’assicurazione sulla vita è un modo onesto e intelligente per prendersi cura dei propri cari, si tratta di un gesto che ogni individuo dovrebbe ben valutare quando avvengono alcune condizioni particolari all’interno di un nucleo famigliare. Tale considerazione va eseguita soprattutto quando all’interno di una famiglia persiste una sola fonte di reddito e tale introito economico è basato sulle tue singole attività, sia che esse siano derivanti da lavoro autonomo o dipendente.

Lungavita è la polizza assicurativa lanciata dall’assicurazione Generali, un marchio noto e famoso su territorio nazionale, basata su due presupposti principali:

  • Morte dell’assicurato
  • Invalidità totale e permanente dell’intestatario della polizza

Questo genere di polizza serve per individuare una copertura economica ideale, nel caso sussistano gli eventi sopra citati. Lungavita permette alla famiglia dell’assicurato la continuità del tenore di vita vissuta fino a quel momento, grazie a un premio assicurativo pattuito con la stipula del contratto, che viene erogato quando sussistano le condizioni indicate. Si tratta di un gesto altruistico e di affetto, ma soprattutto di grande responsabilità nei confronti dei propri cari.

Il vizio del fumo condizione le clausole del contratto

Una delle note di rilievo che spicca leggendo le clausole dell’assicurazione, riguarda il vizio del fumo; nella pagina del sito ove è presentata questa assicurazione sulla vita,  vi è indicato, che gli utenti non fumatori hanno condizioni contrattuali favorevoli rispetto alla linea base di Lungavita.

Trattasi di condizioni vantaggiose a favore dell’utente, un aspetto che andrebbe sicuramente approfondito e valutato nel dettaglio per chi appartiene alla categoria dei non fumatori. In quest’ultimo genere di  polizza è inoltre prevista la copertura complementare anche in caso d’infortunio, presupposto non sempre presente nei vari contratti assicurativi in questo genere; tale condizione è prevista solo in alcuni casi specifici.

Le soluzioni e i premi di assicurativi non sono uguali per tutti, queste sono studiate e scelte in base alle singole condizioni di vita, reddito e nucleo famigliare. I dettagli della durata della polizza e la cifra inerente le rate del premio assicurativo, vanno stabiliti nel momento in cui si stipula il contratto, quando sono chiari le diverse esigenze e le condizioni famigliari. Tutto è correlato al reddito, alle entrate della famiglia e ovviamente, alle necessità della famiglia che intende siglare un accordo con la compagnia in oggetto.

La durate base di tale polizza, si legge dalle condizioni presenti nel sito, comprende un periodo racchiuso tra i due e i venticinque anni, il pagamento perdura nel tempo fino allo scadere della polizza e termina nel momento in cui si venisse a verificare lo sfortunato evento del decesso dell’assicurato, per cui non durerà oltre la morte.

L’azienda assicuratrice Generali fornisce diversi metodi di pagamento del premio mensile o annuo, secondo gli accordi presi, per andare incontro alle diverse esigenze e comodità dei clienti assicurati. Gli interessati devono sempre leggere bene tutti i dati e le clausole indicate e farsi spiegare ogni dettaglio dall’agente con il quale si discute il contratto assicurativo.

Inoltre esiste anche l’eventualità di sospendere il pagamento delle rate, ma in  questa fattispecie, sussistono alcuni aspetti negativi da misurare e stimare attentamente se e quando s’intende perseverare con questa scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *